A tutta birra. Nasce Antesaecula.

Birra Antesaecula

Al via le prime 350 bottiglie di Antesaecula, la birra artigianale prodotta da persone con disagio psichico.

Napoli, 10 dicembre 2013. Una birra con un retrogusto tutto napoletano, di basilico e rosmarino. Vale la pena assaggiarla solo per questo, ma c’è di più: Antesaecula è la prima birra artigianale prodotta da persone con disagio psichico. Quattro uomini e quattro donne, tra i 22 e i 50 anni, hanno deciso di realizzare una nuova birra seguendo tutta la “filiera produttiva”:  dalla scelta delle materie prime fino alla etichetta. Oggi la produzione prende avvio con 350 bottiglie, “limited edition”!!

Quando l’unione fa la … birra! Antesaecula nasce da un’idea degli operatori del Centro Diurno riabilitativo-psicosociale “Lavori in Corso”, nel cuore del quartiere Sanità a Napoli. La “bionda” porta il nome proprio della strada che ospita il Centro. La birra è realizzata con il grano Carosella e Saragolla, due specie di grano che grazie all’Associazione di Contadini del Cilento Tempa del Fico vedono allontanarsi il rischio di estinzione. La produzione di questa birra è soprattutto frutto della volontà di un gruppo di realtà campane non profit che è riuscita a coinvolgere nel progetto anche imprese tradizionali.

Birra, solidarietà e impresa. Il consorzio di cooperative sociali Gesco, assieme alla cooperativa Era ed all’Associazione Viviquartiere hanno coinvolto il birrificio artigianale Karma in quest’avventura durata ben nove mesi. Due persone con disagio psichico sono stati inseriti nel birrificio ed hanno seguito tutte le fasi della produzione: dalla setacciatura del grano alla cottura e fermentazione nelle cisterne; dall’imbottigliamento alla seconda fermentazione di 15 giorni in bottiglia, fino all’etichettatura a mano. Ma il progetto è ben di più ampio respiro: di valorizzazione e trasformazione di culture e colture. La cultura della solidarietà e dell’inserimento lavorativo assieme alla salvaguardia di colture di graminacee oggi a rischio di estinzione. Obiettivo finale è la costituzione di una cooperativa di inserimento lavorativo (ndr. che vede tra i soci lavoratori persone con difficoltà di vario tipo) impegnata nella produzione della birra.

E mentre i promotori verificano come aumentare la produzione, gli avventori di numerosi locali partenopei potranno degustare la nuova birra Antesaecula.

Guarda il video della degustazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *