La scomparsa di Salvatore Giuliano, indagine su un fantasma eccellente.

la_scomparsa_di_salvatore_giuliano_libro

Cosa nasconde la misteriosa leggenda del bandito Turiddu?

 

L’Italia è stata il più grande laboratorio di manipolazione politica clandestina. Molte operazioni organizzate dalla Cia si sono ispirate all’esperienza accumulata in questo Paese e sono state utilizzate anche per l’intervento in Cile.” William Colby, capo della Cia negli anni settanta. Pag. 156

 

Reggio Calabria, 18 agosto 2013. Questo volume bisognerebbe studiarlo sui banchi di scuola e nelle aule universitarie di storia contemporanea, si avrebbe la possibilità di stare davanti ad un’immagine chiara, una diapositiva su come sia nata la nostra Repubblica, come si sia sviluppata la nostra fragile democrazia post-fascista, dove hanno avuto origine i successivi circa 50 anni di terrore e sangue lungo tutta la Penisola. Una diapositiva realizzata con mano ferma e competente, che mette a fuoco ora questo ora quell’elemento dell’ampia inquadratura.

Un libro da consigliare a chi crede nei principi sanciti negli articoli 2 e 3 della nostra Costituzione, a chi vive esperienze di volontariato – ma anche di servizio all’interno del variegato mondo del Terzo Settore – leggere queste pagine significa arricchire di senso e significato “i principi di solidarietà fondata sulla giustizia, di partecipazione responsabile e pratica di cittadinanza solidale. Di adempiere compiutamente alla funzione culturale che sottende il porsi come coscienza critica e punto di diffusione dei valori della pace, della non violenza, della libertà. Di vivere concretamente il ruolo politico attraverso la partecipazione attiva ai processi della vita sociale favorendo la crescita del sistema democratico (dalla Carta dei Valori del Volontariato)”.

Come e perché è scomparso Salvatore Giuliano? Il libro parte da questa domanda iniziale. Era veramente solo un romantico bandito come libri, articoli, film, hanno raccontato per anni? Questo volume cerca di entrare nella storia, uscendo dalla leggenda costruita intorno a Turiddu, il re di Montelepre. Lo fa partendo dallo studio di centinaia di documenti desegretati, provenienti dagli archivi italiani, inglesi e statunitensi. Ci si ritrova immersi in una realtà dura, fatta di personaggi senza scrupoli, d’insospettabili, di organizzazioni eversive nazifasciste, di mafia, di massoneria, di funzionari dello Stato, di politici dalla doppia o tripla morale, di ex repubblichini, di servizi segreti inglesi, statunitensi, israeliani. E di morti. Carabinieri, contadini, sindacalisti, semplici cittadini, uccisi perché funzionali alla perversa guerra che per quasi cinquant’anni è stata combattuta contro la democrazia del nostro Paese.

Una guerra contro l’ordine democratico. Una guerra sotterranea che pochi sapevano di combattere e di cui il Paese era in massima parte ignaro spettatore, una guerra che una parte dello Stato combatteva contro la democrazia nata dalla Costituente. Oggi questo libro può essere considerato parte di un percorso teso a scoprire quello scontro, quelle trame insanguinate che causarono morti innocenti, a partire dal primo interrogativo: era davvero Giuliano quello morto nella notte fra il 4 e il 5 luglio 1950 a Castelvetrano? Sulla vicenda si cercherà di fare luce anche a seguito di un esposto che i due autori hanno presentato al Tribunale di Palermo. Alla storia, intanto, si consegnano eventi, circostanze, nomi, che avranno il compito di far riflettere e aprire nuovi interrogativi su ciò che questo Paese è stato, e di conseguenza, su ciò che è, e su quello che sarà.

Gli Autori. Giuseppe Casarrubea è storico e scrittore siciliano, presidente dell’Associazione “Non solo Portella”, dirige a Partinico l’Archivio Casarrubea dedicato alla memoria del padre, sindacalista assassinato nel 1947.

Mario Josè Cereghino si occupa di archivi statunitensi e britannici. Collabora con il quotidiano la Repubblica.

Di Giuseppe Casarrubea e Mario Josè Cereghino, Bompiani 2013

pagine 368, prezzo: 12,50 euro

Per approfondire:

 

One thought on “La scomparsa di Salvatore Giuliano, indagine su un fantasma eccellente.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current day month ye@r *